The Star Independent – 14 Gennaio 1915

The Star Independent – 14 Gennaio 1915The-Star-independent.January-14.1915.-Image-1-


Testo dell’articolo e traduzione in italiano (si ringrazia Antonio Di Pasquale):


Official Reports From Avezzano Place the Number of Persons Killed in the Earthquake in That City and Its Environs at More Than 15.000— Avezzano Has Been Completely Destroyed and the Nearby Towns of Celano and Pescina Are Partially Wrecked,Many Victims Being Buried in the Ruins—Zone of Disturbance Extends Over a Territory of Nearly 300 Miles

By Associated Press.

Rome, Jan. 14, 8.45 A. M.—The victims of the earthquake disaster, according to latest reports received here, number about fifty thousand, including dead and wounded.

Rome, Jan. 14,1.15 P. M.—Offcial reports receved from Avezzano declare that the dead in that city and in its vicinity in the earthquake yesterday number more than fifteen thousand persons.

London, Jan. 14, 7.35 A. M.—The “Express,” in an edition issued at 7 o’clock to-day, estimates the dead at Avezzano, Italy, as a result of the earthquake at more than fifteen thousand.

Paris, Jan. 14, 4.50 A. M.—A dispatch to the Havas Agency from Aquila, Italy, says that later news received there confirms the report that Avezzano has been completely destroyed by the earthquake. The towns of Celano and Pescina, close to Avezzano, are partially wrecked and many victims are buried in the ruins.

London, Jan. 14, 12.40 P. M.—A news agency dispatch from Rome says that a further distinct earth shock was felt in Rome about 3 o’clock this morning. In several quarters of the city the people fled from their houses into the open air.

Rome, Jan. 14.—With every hour as additional and more accurate details are received, the horror of yesterday’s earthquake increases, threatening to place it in the list of similar catastrophes in Europe second only to the Messina disaster of 1908.

The list of dead, dying and injured has increased from a relatively small figure last night to more than 50,000 according to an official announcement today and it is expected this number may grow before the day is over.

The full extent of the property loss has not yet been determined. Here in Rome priceless statues, century-old buildings and structures that for years have been the mecca of all visitors have been destroyed or injured.

Though the loss of life, and possibly the damage may be less than it was in 1908, the area of the disturbance greatly exceeds the Messina earthquake. It covers the whole central portion of Italy, extending from Naples on the south to Ferrara on the north.

Rome, Jan. 14, via London, 4.47 P. M.—The destruction of the town of Avezzano, a community of some 12,000 people in Aquila province, by the earthquake yesterday is very complete. There is good authority for the statement that not more than ten per cent, of the population survived the disaster.

Rome, Jan. 14.—Late reports from the zone which suffered from yesterday’s earthquake, while still fragmentary, indicate that there has been an appalling loss of life and property. Estimates of the number killed ranged last night as high as 12,000, while the number of persons injured was placed at about 20,000. Estimates made this morning, however, in the light of further news from the stricken district, place the number of killed and wounded together at about fifty thousand.

The earthquake zone, so far as can be gathered here, extends for a distance of nearly 300 miles, from below Naples and in the south to Ferrara in the north and practically across the entire width of the country in the district indicated. The country to the east and southeast of Rome suffered the most apparently for reports of loss of life and damage to property come from all over this district. Avezzano, 63 miles east of Rome, seems to have been the center of the disturbance and this place, with a number of nearby towns and villages, is reported as having been destroyed.

Many Towns Entirely Destroyed

Great loss of life occurred at Avezzano and its vicinity, the number of dead there being placed at more than 15,000.

Among the towns in the earthquake district reported entirely destroyed are Bussi, Cappelle, Scurcola, Magliano, Cappadocia, Celano and Pescina. Sora and Arpino are said to have been partially wrecked.

Naples felt the shook severely but suffered only slight damage. Sulmona and Aquila, in the province of Abruzzi, and other town in that region report much damage and some loss of life.

No one was killed in Rome, but there is considerable material damage. Several of Rome’s historical structures were damaged.


Rome, Jan. 14, 2.50 A. M.—A young Italian driver who left Avezzano a few minutes before the earthquake gave a brief account of his experience when he reached Rome at an early hour this morning. His first intimation of trouble was when the horses of his carriage suddenly refused to go further. They stood trembling and at the same moment there came a deep rumbling like the roar of a railroad train going over a bridge. Three minutes later the standing walls of some quarries along the road had crumbled and were lying in dust covered heaps.

From Avezzano there came the cries of the frightened people. Amid the roar of falling houses could be heard the voices of women calling on the saints to help them. The city was under a cloud of dust. To the driver it looked as if the earth had opened to emit columns of white smoke.

This young man tried to drive back to Avezzano, but he could make no headway. He and his horses were blinded by the dust. Soon he saw survivors struggling to make their way from the city. Many had received injuries and were dragging themselves through the dust and confusion in pitiable plight. Some were so weak they fell by the roadside. The objective of the refugees was the railroad station, which was soon crowded with half frantic men, women and children. Before the driver left the vicinity, organized efforts were being made to convey tho most severely wounded to nearby hospitals.


Rome, Jan 14, 12.45 A. M.—From the most recent reports it appears that comparatively few escaped from the city of Avezzano. Those who got away and were only slightly wounded insisted upon returning to search the ruins of their homes for relatives and friends. Survivors dug frantically into heaps of plaster and stone, often stained with blood. The gruesome search was only too often successful. In many instances survivors fainted as their dead were brought to light in the ruins of the home. Then the heart-broken searcher had to be cared for by the members of the hastily organized relief committees.

At Scurcola a woman who unearthed the body of her 3 year-old child suddenly became insane. At Popoli a young husband returned from the fields where he had been at work, rushed to his home and found it a heap of ruins. He tore away the fallen masonry and entered what remained of his home, only to find his wife lying dead with the baby in her arms. At Sora an old grandfather, the sole survivor of his family, insisted in forcing his way through the shattered walls of what had been his home. Suddenly the walls collapsed and the old man was buried with the other members of his family.


Rome, Jan. 14, I A. M.—A railroad train which yesterday was reportod missing has been found near Avezzano. It ran off the track. There is nothing like satisfactory communication with the stricken district and consequently exact figures as to the losses in lives and property are impossible to obtain. Railroad traffic between Avezzano and Tagliacozzo still is intermixed.

Very grave reports are coming from Bussi, Popoli, CocuIlo, Trasacco, Ocre, Paganica, Pescina, Anversa, Scurcola, Magliano and Cappadocia.

The center of the disturbance appears now to have been the extinct volcano of Fucino in the province of Aquila.

The work of rescue and the search of the ruins in the hope of finding people still alive was continued all through the night. Bonfires were made and torches brought into use. The soldiers who early were ordered to the scene of the disaster did excellent Work.

Medical men are beginning to talk of the possibility of epidemics among those who escaped. A very large number of people fled front the stricken area and will have to spend some time without adequate shelter, They will suffer from exposure and lack of food.


Rome, Jan. 14, 8.40 A. M.—A dispatch received from Ancona says that a heavy storm raged yesterday along the Adriatic coast. There was also a heavy fall of snow.

Naples reports a strong tidal wave yesterday in the Gulf of Gaeta, accompanied by seismic disturbances on shore. Venice telegraphs of very cold weather in the Alps with the snow in deep drifts.


President of Organization Here Says Assistance Will Be Given If Needed —None From Here Known to Have Been in Stricken Area

So far as prominent Italians in Harrisburg could learn today no Italians either from this city or Stedton or the relatives of those now in this section were in the province of Avezzano when it was leveled by an earthquake early yesterday.

Most of the Italians who reside in Harrisburg come from the city of Lucca, the former capital of the ancient Tuscan republic, in the northern part of Italy, which is a great distance away from the part visited by the earthquake.

[A]Gostino Branca, president of the local Italian Society, a branch of the Sons of Italy, said this afternoon that he had heard of no persons known about this section of the country being in the devastated territory.

“It is too soon,” he said, “to say whether we will raise money for the earthquake sufferers, but we will in case it is found necessary.”

The next meeting of the lodge wilI be on Sunday and some action may be taken at that time.

A severe earthquake occurred in Lucca last October and local Italians were much concerned about it at that time, but there was little loss of life and no Harrisburgers were made mourners, it was said today.


Articolo in Italiano:



Rapporti ufficiali da Avezzano fissano il numero di persone uccise nel terremoto, in quella città e nei suoi dintorni, a più di 15.000 – Avezzano è stata completamente distrutta e le vicine città di Celano e Pescina sono state parzialmente distrutte, molte vittime sono ancora sepolte sotto le macerie – Zona colpita si estende su un territorio di circa 300 miglia

Da Associated Press.

Roma, 14 gennaio, 08:45 – Le vittime del disastroso terremoto, secondo gli ultimi rapporti ricevuti qui, sono circa cinquantamila, tra cui morti e feriti.

Roma 14 gennaio, 1.15 PM – Rapporti ufficiali ricevuti da Avezzano dichiarano che i morti, in quella città e nelle sue vicinanze, nel terremoto di ieri si contano in più di quindicimila persone.

Londra, 14 gennaio, 07:35 – Lo “Express”, in un’edizione uscita alle 7 di oggi, stima i morti ad Avezzano, Italia, a seguito del terremoto in più di quindici mila.

Paris, 14 gennaio, 04:50 – Un dispaccio dell’Agenzia Havas da Aquila, Italia, dice che le ultime notizie che ha ricevuto confermano il rapporto che Avezzano è stata completamente distrutta dal terremoto. Le città di Celano e Pescina, nei pressi di Avezzano, sono parzialmente distrutte e molte vittime sono sepolti nelle rovine.

Londra, 14 gennaio, 12:40 – Un dispaccio dell’agenzia di stampa da Roma dice che una ulteriore scossa distinta è stata sentita a Roma circa alle 3 di questa mattina. In diversi quartieri della città le persone sono fuggite dalle loro case all’aria aperta.

Roma, 14 gennaio – Ogni ora ulteriori e più accurati dettagli vengono ricevuti, l’orrore del terremoto di ieri aumenta, minacciando di inserirlo nella lista di catastrofi simili in Europa secondo solo al disastro di Messina del 1908.

La lista dei morti e feriti è aumentato da una relativamente piccola cifra di ieri sera a più di 50.000 secondo un annuncio ufficiale di oggi e si prevede tale numero potrebbe crescere prima che il giorno finisca.

La completa stima della perdita di proprietà non è ancora stata determinata. Qui a Roma statue di inestimabile valore, edifici secolari e strutture che per anni sono stati la mecca di tutti i visitatori sono stati distrutti o danneggiati.

Anche se la perdita di vite, ed eventualmente il danno può essere meno di quanto non fosse nel 1908, l’area del disturbo supera notevolmente quella del terremoto di Messina. Copre l’intera parte centrale d’Italia, che si estende da Napoli, nel sud, a Ferrara, a nord.

Roma, 14 gennaio, via Londra, 16:47 – La distruzione della città di Avezzano, una comunità di circa 12.000 persone nella provincia di L’Aquila, operata dal terremoto di ieri è totale. C’è una certa sicurezza nell’affermare, che non più del dieci per cento della popolazione sia sopravvissuta al disastro.

Roma, 14 gennaio – Rapporti tardivi dalla zona che ha sofferto nel terremoto di ieri, seppur ancora frammentari, indicano che vi è stata una perdita terribile di vite e di proprietà. Le stime sul numero di morti la scorsa notte arrivavano fino a 12.000, mentre il numero dei feriti era stimato a circa 20.000. Le stime fatte questa mattina, però, alla luce di ulteriori notizie dal quartiere colpito, pongono il numero di morti e feriti insieme a circa cinquantamila.

La zona del terremoto, per quanto si può capire da qui, si estende per una lunghezza di quasi 300 miglia, da sotto Napoli e nel Sud a Ferrara nel nord e praticamente tutta la larghezza del paese, nella sezione indicata. La campagna ad est e sud-est di Roma, ha sofferto di più in perdite di vite umane e danni materiali come risulta apparente dai rapporti che provengono da tutto questa zona. Avezzano, 63 miglia a est di Roma, sembra essere stata il centro del fenomeno e questo posto, con un numero di città e paesi circostanti, viene segnalato distrutto.

Molte città interamente distrutte

Grande perdita di vite verificatosi ad Avezzano e nelle sue vicinanze, il numero di morti lì stimato a più di 15.000.

Tra le città colpite dal terremoto sono riportate interamente distrutte Bussi, Cappelle, Scurcola, Magliano, Cappadocia, Celano e Pescina. Sora e Arpino pare siano state parzialmente danneggiate.

Napoli ha sentito la scossa in maniera notevole, ma ha subito solo lievi danni. Sulmona e L’Aquila, nella provincia degli Abruzzi, e altre città nella regione segnalano molti danni e la perdita di alcune vite.

Nessuno è stato ucciso a Roma, ma vi è un notevole danno materiale. Molte delle strutture storiche di Roma sono state danneggiate.


Roma, 14 gennaio, 02:50 – Un giovane conducente italiano che ha lasciato Avezzano alcuni minuti prima del terremoto ha dato un breve resoconto della sua esperienza quando ha raggiunto Roma questa mattina presto. Il suo primo indizio di pericolo è stato quando i cavalli del suo carro improvvisamente si sono rifiutati di andare oltre. Sono rimasti tremanti e allo stesso momento è iniziato un profondo rombo, come il ruggito di un treno su un ponte ferrioviario. Tre minuti più tardi i muri verticali di alcune cave lungo la strada si erano sbriciolati e giacevano in cumuli coperti di polvere.

Da Avezzano si sentivano le grida delle gente spaventata. Tra il rombo di case che cadono si sentivano le voci di donne che invocavano aiuto ai santi. La città era sotto una nuvola di polvere. Al conducente sembrava come se la terra si fosse aperta ed iniziato ad emettere colonne di fumo bianco.

Questo giovane ha cercato di guidare verso Avezzano, ma non riuscì a fare alcun progresso. Lui e i suoi cavalli furono accecati dalla polvere. Presto vide sopravvissuti lottare per farsi strada lontano dalla città. Molti avevano ricevuto ferite e si trascinavano da sè nella polvere e la confusione in condizione pietosa. Alcuni erano così deboli che caddero sul ciglio della strada. L’obiettivo dei profughi era la stazione ferroviaria, che fu presto gremita di uomini, donne e bambini quasi fuori di sè. Prima che il conducente lasciasse le vicinanze, si era organizzato un soccorso per trasportare i più gravemente feriti nei vicini ospedali.


Roma, 14 gennaio, 00:45 – Dai rapporti più recenti sembra che relativamente pochi siano sfuggiti nella città di Avezzano. Coloro che ce l’hanno fatta e sono stati solo leggermente feriti hanno insistito per tornare a cercare tra le rovine delle loro case per parenti e amici. I sopravvissuti hanno scavato freneticamente in cumuli di intonaco e pietra, spesso macchiati di sangue. La ricerca raccapricciante ha avuto fin troppo spesso successo. In molti casi i sopravvissuti sono svenuti quando i loro morti sono stati portati alla luce tra le rovine delle loro case. Quindi il soccorritore col cuore spezzato doveva essere aiutato dai membri dei comitati di soccorso frettolosamente organizzati.

A Scurcola una donna che ha portato alla luce il corpo di suo figlio di 3 anni è diventata improvvisamente folle. A Popoli un giovane marito tornato dai campi dove era a lavoro, si é precipitato a casa sua e ha trovato un cumulo di rovine. Strappata via la muratura caduta, è entrato in quel che restava della sua casa, solo per trovare la moglie che giaceva morta con il bambino in braccio. A Sora un vecchio nonno, l’unico sopravvissuto della sua famiglia, ha insistito a forzare la sua strada attraverso i muri infranti di quella che era stata la sua casa. Improvvisamente i muri sono crollati e il vecchio è rimasto sepolto con gli altri membri della sua famiglia.


Roma, 14 gennaio, 1 AM – Un treno della ferrovia, che ieri è stato riportato mancante, è stato trovato nei pressi di Avezzano. Era deragliato. Non c’è alcun tipo di comunicazione soddisfacente con la zona colpita e, di conseguenza, cifre precise per quanto riguarda le perdite di vite e di proprietà sono impossibili da ottenere. Il traffico ferroviario tra Avezzano e Tagliacozzo è tuttora intermittente.

Rapporti molto gravi sono provenienti da Bussi, Popoli, CocuIlo, Trasacco, Ocre, Paganica, Pescina, Anversa, Scurcola, Magliano e Cappadocia.

Il centro del fenomeno sembra ora essere stato il vulcano spento del Fucino, in provincia dell’Aquila.

Il lavoro di salvataggio e la ricerca delle rovine nella speranza di trovare persone ancora in vita è continuato per tutta la notte. Falò sono stati fatti e torce messe in uso. I soldati che presto sono stati dimandati sulla scena del disastro hanno fatto un ottimo lavoro.
I medici stanno cominciando a parlare della possibilità di epidemie tra coloro che sono sfuggiti. Un gran numero sono le persone fuggite dall’area colpita e dovranno passare diverso di tempo, senza un riparo adeguato, soffriranno l’esposizione alle intemperie e la mancanza di cibo.


Roma, 14 gennaio, 08:40 – Un dispaccio ricevuto da Ancona dice che una forte tempesta infuriava ieri lungo la costa adriatica. C’era anche una pesante caduta di neve.
Napoli riporta un forte maremoto ieri nel Golfo di Gaeta, accompagnato da disturbi sismici a terra. Venezia telegrafa di tempo molto freddo nelle Alpi con neve in cumuli profondi.


Il Presidente dell’Organizzazione qui dichiara che sarà data assistenza, se necessario – Nessuno di qui ci è noto essere stato nell’area colpita

Per quanto gli italiani di primo piano di Harrisburg abbiano potuto appurare oggi, nessun italiano sia da questa città che da Stedton, nè i parenti di quelli ora in questo distretto, erano nella provincia di Avezzano quando è stato raso al suolo da un terremoto ieri mattina.

La maggior parte degli italiani che risiedono in Harrisburg provengono dalla città di Lucca, l’ex capitale dell’antica repubblica toscana, nel nord d’Italia, che è a grande distanza dalla parte colpita dal terremoto.

[A] Gostino Branca, presidente della Società Italiana locale, un ramo dei Figli d’Italia, ha dichiarato, questo pomeriggio, che non ha sentito parlare di nessuna persona, nota in questa parte del paese, che si trovasse nel territorio devastato.

“E ‘troppo presto”, ha detto, “per dire se ci sarà una raccolta fondi per le vittime del terremoto, ma ci sarà nel caso in cui si renda necessario.”

La prossima riunione della loggia si terrà domenica e qualche azione può essere intrapresa in quella data.

Un grave terremoto é avvenuto a Lucca lo scorso ottobre e gli italiani locali erano molto preoccupati al momento, ma la perdita di vite è stata minima e nessuno di Harrisburg è stato costretto al lutto, si è detto oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *